lunedì 17 ottobre 2011

ravioli di ricotta, arancia, finocchietto e pistacchi con provola affumicata e una piccola storia




Vi racconto una piccola storia.
Dovete sapere che per tutta la mia infanzia e gran parte della adolescenza vissuta in Argentina, a casa mia, la Domenica si mangiavano i ravioli fatti in casa.
In Argentina non si mangia la pasta tutti i giorni e, a quei tempi, le famiglie di origine italiana come la mia "festeggiavano" la Domenica consumando un buon primo.
La mattina ci alzavamo presto e, con mia madre, facevamo il sugo e i ravioli, sempre ripieni di ricotta, prezzemolo, parmigiano e tanta noce moscata (che adoro, probabilmente come ricordo di questo piatto).
Lei faceva il sugo ed il impasto, io invece preparavo il ripieno, tiravo la pasta e riempivo sulla forma in metallo, i ravioli che poi separavo con una rotella che, udite udite.... era di argento!
Sabato mi sono alzata prestissimo, tra pensieri, piani, delusioni e bei ricordi. Quando il mio cuore è così irrequieto devo impastare!!! Dovendo poi consumare una forma intera di ottima ricotta rimasta dal Caseus Veneti, ho deciso che invece di fare la pastiera che adoro, avrei fatto i ravioli. Esagerata come sono io, nel bene e nel male, sono stata in cucina quasi 5 ore :)
È stato bello vedere entrare mio figlio e, con grande entusiasmo chiedermi se poteva fare anche lui, così ho avuto il mio piccolo al fianco armeggiando con al sac a poche e tagliando i ravioli con grande entusiasmo e bravura (tutto sua madre:).
Come vedete dal titolo del post, per quanto riguarda il ripieno, la ricetta l'ho cambiata e devo dire che ci è piaciuta molto!
Non ero sicura sulla salsa per accompagnarli e quindi ho usato il sugo di pomodoro che faccio in casa ma, forse ci starebbe bene con un pesto di sarde cotte nel succo di arance e qualche pistacchio qua e la. Buono invece l'abbinamento con un pò di provola affumicata di quelle da grattugiare.








Già che c'ero ho fatto anche delle tagliatelle e dei ravioloni grandi, questi li ha fatti il mio Ricky ;)

Per l'impasto della sfoglia delle sorelle Simili vedete qui.
Per il ripieno:
500 g di ricotta di pecora
sale himalaya
sale affumicato
La scorza di una arancia (verificate il vostro gusto personale, la mia arancia era piccola e dolcissima, poca acidità. unite prima la scorza di mezz'arancia e provate)
3 cucchiai di pistacchi leggermente tostati e tritati
qualche rametto di finocchio selvatico tritato
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
1 uovo piccolo
provola affumicata grattugiata per servire

Mescolate gli ingredienti del ripieno e lasciate raffreddare in frigo 1/2 ora. Semplicissimo! poi eseguite i ravioli, o bene con lo stampo per farli oppure fateli grandi come quelli della foto, a mano e con la rotella oppure con lo stampino apposito.

Fate bollire in abbondante acqua salata più o meno 5 min.
Servire

Buona settimana a tutti voi, besos :))


BlogPress from my iPad

18 commenti:

  1. Sono un sogno questi ravioli, dalla ricetta (non puoi farmi venir fame così di prima mattina!!!!!!), ai ricordi che ci sono racchiusi alla gioia di trovarsi a fianco con un piccolo-grande aiutante inaspettato. Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  2. che belli questi ricordi di famiglia Pat! La ricetta mi piace molto...buona settimana, un bacione....

    RispondiElimina
  3. ciao pat, mi piacciono queste storie che ci raccontano qualcosa delle nostre "compagne di blog". e questi ravioli..... un abbraccio mia cara.
    b

    RispondiElimina
  4. splendidi... vorrei poterli gustare pranzo... posso una porzione?!

    RispondiElimina
  5. bellissimi, poi profumano di amore e ricordi. Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  6. Dei ravioli favolosi tesoro cosi ricchi e saporiti che ne mangerei uan pentola intera adesso!!baci,imma

    RispondiElimina
  7. Una particolare e buona ricetta
    complimenti ciao

    RispondiElimina
  8. con questi bei racconti non potevano che venire bellissimi i tuoi ravioli. Immagino la bontà!!! ti auguro buona serata!!!
    p.s.: ti lascio il link del mio secondo contest, mi farebbe piacere se partecipi...
    http://dolcipensieri.wordpress.com/2011/10/17/contest-un-libro-mi-fa-compagnia-in-cucina-di-dolcipensieri/

    RispondiElimina
  9. complimenti per queste ricette non proprio da tutti i giorni. si, come dici tu, un piatto da domenica per rendere speciale una giornata di relax...ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  10. @fede: grazie mia Cara, buona settimana anche a te :)
    @Chiara: un forte abbraccio anche a te!
    @Babs: grazie tesoro, ti avviso quando sarò a Milano, ti va?
    @Raffy: ma certo che puoi, anche due!!
    @Colombina: già, hai proprio capito:) beso grande
    @Imma: ciao dolcissima :))
    @Stefania: grazie mia Cara, ti abbraccio
    @dolcipensieri: buona serata anche a te! cercherò di partecipare :)

    RispondiElimina
  11. @Roby: pazzesco! ti ho appena mandato na mail! (un Po pazza...)beso grande!

    RispondiElimina
  12. ciao Patricia, sei veramente brava.. da oggi ti seguo.. e, se vuoi ricambiare, ti invito nella mia cucina
    ti aspetto
    Giovanni

    RispondiElimina
  13. E un giorno ripassando dal tuo bellissimo blog ho "ritrovato" fantastiche le tue ricette... Brava, questi ravioli fanno proprio venire l'acquolina... Lara di seurasaari.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. Sappi che leverò l'uovo dal ripieno (e pure dalla sfoglia), pregherò molto perché non si smonti tutto e proverò questa ricetta immantinente!

    RispondiElimina
  15. Ma che meraviglia! Li proverò sicuramente!
    Non so perchè ma associo sempre la pasta in casa allo stare tutti insieme in famiglia, proprio come te! Bellissime anche le foto!

    RispondiElimina
  16. Chissà pechè man mano che si cresce qyesti ricordi della nostra infanzia tornano sempre più chiari e limpidi (almeno per me). Fantastica questa ricetta. belli, raffinati e immagino anche buoni questi ravioli. Dovrò provarli...

    RispondiElimina
  17. @Giovanni: grazie, verrò a trovarti volentieri :)
    @Lara: grazie! un abbraccio:)
    @romanzodipocacosa: non ho mai provato a fare la sfoglia senza uovo quindi non saprei dirti, penso che comunque venga... il ripieno viene di sicuro lo stesso, basta che la ricotta sia ben soda, aggiungi il sale alla fine, baci! Prossima volta dimmi il tuo nome, romanzodipocacosa mi svuota il cuore ;)
    @Arnalda: grazie Cara e benvenuta, a presto :)

    RispondiElimina
  18. @Angelina: è vero quello che dici, a volte, di colpo, mi ricordo cose che avevo dimenticato... sara l'età? ti abbraccio forte!

    RispondiElimina