domenica 24 gennaio 2010

Alfajores marplatenses # 1



Per chi pensa che in tema di alfajores tutto sia stato detto, vi sbagliate carissimi.
Questi sono "los" alfajores, sempre ripieni di dulce de leche, uno cioccolato bianco e noci e l'altro cioccolato fondente.
Il loro nome è marplatenses perchè sono nati da due aziende con sede in Mar del Plata che è un luogo di villeggiatura sull'Oceano Atlantico. Quando ero piccola si potevano comprare solo lì, adesso si comprano ovunque. Le marche più famose sono Havanna e Balcarce, anche se ultimamente vanno molto "el cachafaz" che, assaggiato a Marzo a Buenos Aires,  mi è sembrato davvero buono.
E' la prima volta che li faccio e devo dire che la ricetta è perfetta: già faccendo l'impasto sentivo quel profumo caratteristico che è nitido nella mia memoria.
Un piccolo limite è il dulce de leche, perchè?? perche ci vuole il dulce de leche per pasticceria che e molto denso, una specie di pasta di dulce de leche... e come si fa??? ho trovato una ricetta nella quale in cottura, si aggiunge maizena... disastro!!! è venuto una specie di budino al dulce de leche che non mi è piaciuto niente, e comunque la consistenza era morbida e il sapore alterato dalla maizena. Un'altra ricetta prevede la farina di ceci (!!??), non ci ho neanche provato.
Questa volta avevo invece  500 ml. di panna e ho deciso di fare la ricetta del dulce de leche sostituendo 1/2 litro di latte con la panna, risultato SPAZIALE, chi ama il dulce de leche non può trovare di meglio...sapore morbido e vellutato, con avvolgente retrogusto di delicato sentore di panna, THE BEST!!!
Ho aggiunto anche  un pochino più di bicarbonato perche mi viene sempre troppo chiaro (grazie alle spiegazioni di Dario Bressanini,  in seguito a un quesito di Fanci [dolce casa]). Il colore mi ha convinto...un po' più scuro ma non scurissimo.


Riguardo la consistenza, così... per provare e, dato che all'interno di quelli al cioccolato bianco ci vanno le noci, ho fatto una farina di noci e l'ho aggiunta al dulce... perfetto!!! dopo tutta la notte in frigo ancora meglio dato che questa farina di noci si è come gonfiata e ha dato ulteriore consistenza.
Ho un indicatore di gradimento qui a casa: se quando mangiano iniziano a fare rumorini tipo mmmmhhmmmmhhh! vuol dire che è superlativo, e questa volta è successo così persino con il mio Ricky al quale non piace proprio tutto.


Ho diviso l'impasto in due, una metà l'ho congelata per realizzare l'altra versione (perchè non è ancora finita!!).
Con tutte queste premesse passiamo alla ricetta:

Per 80 biscotti (40 alfajores):
400 g. di farina
100 g. di maizena
15 g di cacao amaro
4 g. di bicarbonato
5 g. di lievito in polvere
5 . di bicarbonato di ammonio

220 g. burro a temperatura ambiente
110 g zucchero
25 g. estratto di malto (non l'ho messo, va bene lo stesso)
40 g. di golden syrup (o miele, direi millefiori)
estratto vaniglia 1 cucchiaino da caffè
zest di 1 limone
essenza di mandorle
2 uova medie

Cioccolato bianco
Cioccolato fondente (a gusto tra 50% e 70%, non di più) + burro
dulce de leche 250 ml (con 1 l. di latte fatte 400 ml)

In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti secchi.
Sbattere il burro con lo zucchero a pomata, aggiungere il golden syrup, il malto le essenze, il zest e le uova e incorporare bene con la planetaria (beata chi ce l'ha). aggiungete gli ingredienti secchi poco a poco sbattendo sempre.
Avvolgere in pellicola l'impasto e portare in frigo almeno 3 ore (io l'ho lasciato tutta notte).
Togliere l'impasto dal frigo almeno 1 ora prima, acendere il forno a 180°.
Stirare la pasta col mattarello e con un tagliabiscotti ricavare cerchi di 4 cm (normalmente sono grandi 6-7 cm, ma a me piacciono più piccoli).
Infornare 8-10  minuti,  la cosa importante è che in cottura, sparisca l'odore di amoniaca, comunque non devono dorarsi, il che è difficile da stabilire perchè sono marroni, insomma bisogna stare allerte vicino al forno...
Lasciar raffreddare in una griglia, unire 2 biscotti con dulce de leche (per quelli al cioccolato bianco aggiungere piccoli pezzetti di noci nel dulce, oltre alla farina di noci o mandorle, 200ml di dulce=4 cucchiai di farina di noci o mandorle, v. indicazioni sopra).
Sciogliere separatamente il cioccolato fondente + burro e quello bianco (senza burro, non fate come me... come ho aggiunto il burro si e inespessito e ho dovuto estenderlo con il cucchiaino!!!).
Coprire lo alfajores con la cioccolata e far raffreddare, decorare con 1/2 noce quelli bianchi.
Come per tutti gli alfajores, sono più buoni il giorno dopo perchè il dulce amorbidisce il biscotto...fondendosi in un solo morso.... (continua)

17 commenti:

  1. mamma mia che spettacolo! devo essere sublimi!

    RispondiElimina
  2. patriciaaaaaa
    sono senza parole!
    tutta questa montagna di bontà!!!!!
    :)

    RispondiElimina
  3. Allora, dicevo:
    MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
    MMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM
    MMMMMMMMMMM !!!!!!!!!!!!............
    Ma tu sei un genio della pasticceria ! E nelle carni, nei sughi, nelle salse etc etc..
    Ma mi pare che nei dolci dai il meglio:
    sbaglio o potrebbe essere perchè ti piace mangiarli?!
    Comunque trovo le tue idee ed il tuo approccio alla soluzione dei problemi culinari assolutamente geniale!
    Ieri abbiamo visto Julie & Julia: stamani Claudia, sotto l'influenza del film e con l'aiuto del papà, ha preparato la ricetta delle Rane al Forno dal libro Le rivoltanti delizie di Rohald Dahl ! Non solo ha seguito la ricetta, ma ha aggiunto alcune varianti sulla base di quanto trovato nello scaffale Dolci & Dolcezze della dispensa: STREPITOSE!!!! Le ho fatto giurare che cucinerà qualcosa ogni domenica!
    Besito,
    DaniVerdeSalvia

    RispondiElimina
  4. @Federica: Ciao! sono squisiti!! qualcosa di nuovo da provare, Besos:)
    @Babs: Eddaii... fai anche questi!!!
    @Dani: Ma grazie!!!:) vos si que sos un amor!!
    che bello quel film, ottima anche l'influenza su tua figlia!!! voglio la ricetta delle rane a tutti i costi. Ma tu dove le trovi??? io qui, mai viste. Quando ero piccola le mangiavo in pastella e saltate in olio, aglio e prezzemolo, che bonta!!!
    Abrazos;)

    RispondiElimina
  5. Pat !! che bellezza!! piccola domanda: funziona outllook ??
    baci :-)

    RispondiElimina
  6. @Carola: ciao:) ho avuto qualche problema giorni fa ma adesso mi sembra funzioni tutto... non riesci a mandarmi una mail? prova con questa del mio profilo:)
    Besos
    Pat

    RispondiElimina
  7. Mon Dieu! Hai mai pensato che il colore più chiaro dipenda dal fatto che tu metti meno zucchero rispetto al dulche de leche tradizionale? Comunque, non per contraddirti, ma quello con il matcha secondo me è insuperabile... Un bacione!

    RispondiElimina
  8. Ciao, intanto grazie per essere passata da me e poi complimenti per il tuo blog che trovo davvero interessabte... Questi dolci poi... che acquolina! Un saluto, a presto... tornerò a trovarti con piacere.
    Deborah

    RispondiElimina
  9. Ciao Pat che dolcetti golosi, avresti potuto usare la farina di ceci io c'ho provato (non per queste meraviglie) e il risultato è stato davvero sorprendente: ottimo!
    Ti faccio i complimenti, mi segno la ricetta e ti saluto
    bacioni

    RispondiElimina
  10. Oh mamma mia che meraviglia!
    A quest'ora è un disastro leggere post come questi...
    Baci!

    RispondiElimina
  11. PAtricia ma che scoperta che sei... E' la prima volta che passo da te ma con questa delizia mi hai stregata! Sono golosissimi

    RispondiElimina
  12. @Babuska: ciao:)no no... el coore del dulce è proprio la reazione di Maillard (detto da Bressanini), infatti questa volta o messo più bicarbonato e si è oscurito. Baci:)
    @il sapore del verde: Grazie, anche a me piace tantissimo il tuo blog!:) A presto!
    @Sunflowers:intendi la farina di ceci per dare corpo al dulce de leche o per la pasta dei biscotti? Baci:)
    @Federica: buonissimi, pensa che ho fatto 20 (metà impasto) e Domenica sera non c'era più niente!!
    Baci:)
    @Elisakitty's:Grazie, quello che m'hai detto è reciproco... anche tu mi hai stregata!!;)))

    RispondiElimina
  13. Alta pasticceria!! Una rivelazione il dulce de leche con la panna e il colore del tuo è perfetto...grazie per i suggerimenti.
    Un abbraccio, a presto.

    RispondiElimina
  14. mamma mia che delizia ,devo assolutamente provare a farli...e provare anche il tuo dulce de leche... (di solito faccio quelli argentini)...complimenti!!
    a presto,Enza

    RispondiElimina
  15. @Franci: tu che sei una fan del dulce de leche (1/2 cucchiaino da te, di bicarbonato) non puoi non provare questo con la panna. Prova anche a fare questi alfajores, secondo me ti piaceranno tantissimo:)
    Un abbraccio!
    @emamama:prova questo con la panna, è incredibile!!
    A presto:)

    RispondiElimina
  16. bravissima, ci credo che dev'essere spaiale il dulche de leche con la panna!!!

    RispondiElimina
  17. e io che cerco da mesi questa ricetta..e poi oggi incappo nel tuo blog..e ora chi ti molla!

    RispondiElimina