venerdì 18 dicembre 2009

Patè rustico [di casa mia]



Tra una recita di Natale, una pizza di fine anno, regali per le maestre ecc, arrivo qui al volo per darvi questo piccolo aperitivo (è l'ora giusta!!:).
Veramente non ero sicura di postare questa ricettina, ma dopo ho pensato che in fondo questo è un mio quaderno di cucina e questo è un patè che faccio spesso perchè mi piace molto (per dire, immaginate qual è stato il mio pranzo di oggi?).
Niente di complicato, anzi molto semplice, fatto con i fegattini di pollo. Lo realizzo sempre a occhio ma questa volta ho misurato tutto in modo di poter scriverla qui.
Prima di darvi la ricetta elenco qualche premessa:
Mi piacciono le frattaglie.
Ho sempre mangiato foie gras fino a che un paio d'anni fa, ho visto un filmato su come trattano le oche destinate a questa pietanza.
Non sono animalista e porto massimo rispetto per chi lo è, mangio assolutamente di tutto e assaggio cose nuove molto volentieri, ma onestamente ripiego per questo patè che comunque mi piace... mi va bene così insomma.
Perfetto da spalmare su pane o inventarvi qualsiasi antipastino vogliate (ad esempio con le mele in crosta), a prova di amici innatesi per l'aperitivo!!:)

500 g. di fegattini di pollo
2 spicchi d'aglio
mezza cipolla trittata
olio q.b. (per soffritto)
1/2 tazzina da caffe di cognac
2 cucchiai di prezzemolo trittato
2 cucchiaini di miele (io ho messo miele di castagno)
40 g di burro freddo tagliato a dadini

Fare un soffritto dorato con l'aglio e la cipolla, aggiungere i fegattini già  puliti e cuocere 10 min a fuoco medio girandoli ogni tanto, aggiungere il cognac, il miele e il prezzemolo. Far cuocere senza coperchio a fuoco basso. A cottura raggiunta lasciar raffreddare.
In un mixer versare i fegattini con il fondo di cottura (ritirate l'aglio)  e il burro. Mixate fino a che gli ingredienti diventano omogenei. Tenete 1 notte in frigo.





8 commenti:

  1. Slurp! Sembra squisito e francamente anche semplicissimo: potrebbe riuscire perfino a me, lo proverò!
    A proposito, se mi scrivi una mail ti dico il commento di mio marito alla tua foto....
    Besooooos!
    Dani

    RispondiElimina
  2. Anche se l'ora dell'aperitivo é passata da un po'la semplicità della ricetta ed il fatto che io adoro frattaglie ed affini rendono il tuo pâté veramente interessante.
    Per quello che riguarda il foie gras capisco che possa rivoltare il modo in cui sono "ingozzate" ma,a parte che non bisogna generalizzare nel senso che ci sono allevatori che usano metodi piu' umani e che se ci addentriamo su questo territorio ci sarebbero anche i polli che non escono mai dalle gabbie e le mucche che non conoscono il sapore dell'erba,come si fa a rinunciare ad una tartina con un buon foie gras de canard? Impossibile per me ma non ti dico come mi guarda mia figlia quando vede che comincio a prepararlo!

    RispondiElimina
  3. @Dani: ciao!! appena arrivata dalla pizza di fine anno!! come si dice da queste parti son copà!! Mio marito ha fatto apprezzamenti su di me vestita da Babbo (ti pareva!!) io mi adoro con l'orecchino di perle. Ti lascio il mio mail perche devo ancora vedere come renderlo visibile sul blog: patricia.butturini@tiscali.it. Ciao cara, buona notte:))
    @Cristina: ciao! ben ritrovata:) in effetti hai ragione tu, nel senso che non tutti gli allevatori si comportano in questo modo, e hai ragione anche nel fatto ce una tartina di vero foie gras è insuperabile (e tu, se non sbaglio sei a Parigi, insomma la patria del foie gras). Questo patè è sempliciotto, povero direi, ma mi piace, anche perchè lo preparo io... non so spiegarti, mi dà soddisfazione. E' molto importante aggiungere un buon cognac che persiste nel sapore finale e il miele che adolcisce una lieve nota amarognola che potrebbe sentirsi. Pensa che una volta ero senza miele di nessun tipo e ho aggiunto la marmellata di cilegie, era buonissimo lo stesso!!
    Baci a la piccola! buona notte:)

    RispondiElimina
  4. Mmmmmm che delizia, mi piace molto questo patè,adesso che ho visto questa ricettina credo di prepararmelo ogni tanto (invece di comprarlo già fatto).
    Complimenti per il tuo blog :-)

    RispondiElimina
  5. Ciao! particolare questo patè! perfetto per dei crostini,+...un antipasto molto raffinato!
    baci baci

    RispondiElimina
  6. questo deve essere eccezionale!! Tanti auguri di buone Feste!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. @Laura: Ciao, benvenuta:) prova, prova che è facile e, secondo me buono! A presto
    @Manuela e Silvia: Ciao! Grazie:)
    @Federica: Benvenuta! Sinceri auguri e Buon Natale ance a te:) (che bella foto!)

    RispondiElimina
  8. @Federica: ahhh ma sei tu:) bella la tua icona nuova:)

    RispondiElimina