giovedì 10 dicembre 2009

Alfajores de maicena (e un cuginetto gaucho-Giap)



Il Natale è alle porte, ho l'agenda piena di cose da fare, amici con i quali mi voglio incontrare, impegni con la scuola e chi più ne ha più ne metta.
I primi giorni di Dicembre sono tutto sommato rilassanti, si tratta solo di decorare la casa per l'occasione e creare l'atmosfera giusta... un gioco da ragazzi. In questo periodo inizia la vera corsa... in questi giorni non vedo l'ora di andare alla Messa della Vigilia, dove si coglie la serenità e lo spirito vero del Natale... non trovate (naturalmente per chi ci crede) che sia così?
Intanto questo post era già segnato nella mia lista, ed eccolo qui! Passo ad illustrarvi...
L'alfajor de maicena e un tipico dolcetto argentino, la classica merenda dei bambini e una golosità per gli adulti. Di alfajores ce ne sono tanti tipi: marplatenses, santiaguenos e via dicendo.
Questi sono i classici, quelli che non cambiano, ripieni sempre di dulce de leche, il biscotto è friabile, sabbioso e leggero grazie alla maizena.
Ultimamente ho visto tante ricette di alfajores de maicena nei diversi blog... io continuo a fare questa che è la mia ricetta, non perchè pensi che le altre non siano valide... ci mancherebbe, ma solo per il fatto che sono abituata a questa, che penso provvenga da un ricettario anni '70 della Maicena o della Royal (lievito in polvere), la memoria mi tradisce...

Allora ecco la ricetta:
200g. farina
300 g. maizena
2 cucchiaini di lievito in polvere per dolci
½ cucchiaino di bicarbonato
250 g. burro (temperatura ambiente)
150 g. zucchero
4 tuorli grandi
1 ½ cucchiai di cognac
Zest di un limone grande
Dulce de leche (per riempire lo alfajores faccio un dulce con 350 g di zucchero. Stessa procedura)
Cocco grattugiato

Sbattere il burro con lo zucchero, aggiungere i tuorli 1 a 1, il cognac e il zest.
Setacciare gli ingredienti asciutti e sul banco della cucina fare l’impasto senza impastare.
Avvolgere in pellicola e lasciare almeno 2 ore in frigo (io lo lascio tutta la notte).
Ritirare 1 ora prima, stendere con il mattarello la pasta a ½ cm. Tagliare cerci di 3-4 cm di diametro. Mettere in forno a 190° per aprox. 10 minuti (devono mantenersi chiare e non dorarsi).
Lasciar raffreddare su una griglia.
Unire i biscotti con il dulce e passare i lati sul cocco grattugiato.




Voi mi chiederete, chi è quel piccolo alfajor verde??
Dato che ho fatto anche la confettura al matcha (che devo dire, ogni giorno mi piace di più) ho riempito con questa degli alfajores al the matcha .
E' molto semplice: al momento di sbattere il burro con lo zucchero, aggiungete un cucchiaino raso da the, di matcha, questo è tutto.
Sono davvero profumatissimi, come dicevo prima... il cuginetto gaucho-Giap.
Inutile dire che sono, insieme a biscottini tipici, confetture,  tartufi al cioccolato preparati in infinità di modi...anche un ottimo regalo per Natale!!
Spero vi piacciano;))


18 commenti:

  1. Tra me e questi alfajores è stato amore a prima vista... devo provarli!

    RispondiElimina
  2. Ciao, mi piace un sacco il tuo blog, le tue ricette e quella foto del profilo è tenerissima! Complimenti!

    RispondiElimina
  3. @Gloria: Ciao, bentornata!! Sono contenta che ti siano piaciuti;)sono semplici e molto buoni, ti conviene fare il dulce il giorno prima perchè deve prendere consistenza in frigo per una notte. Fammi sapere!!
    @Iana: Grazie Iana, felice di conoscerti!!
    A presto

    RispondiElimina
  4. ciao! è la prima volta che approdo qui, e sono arrivata passando per il cavoletto, perchè ho visto che il tuo nome era lincabile ( mi ricordavo di te per la tua ricetta del dulce da sigrid).
    giusto l'altro ieri sera ho fatto il dulce de leche con una mia ricetta verificando le dosi con la tua, non sapendo che potevo trovarla pure qui (io metto in genere 250, da europea... se lo sa la mia metà...!)
    e poi vengo qui e ti trovo gli alfajores!!!! pazzesco, stupendo, e piacere di conoscerti!

    RispondiElimina
  5. @Vaniglia: è mio il piacere di conoscere te!:) Riguardo il dulce de leche, io metto 260 se serve per spalmare ecc. Invece se devo riempire los alfajores uso più zucchero (tutte le indicazioni in questo post). Ma la tua metà e argentino?
    A presto e grazie
    Patricia

    RispondiElimina
  6. Ciao Patricia
    che buoni sono i tuoi alfajores !!
    ci vediamo domenica??
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ooh, devo provare assolutamente questa ricetta!
    Io adoro il dulce de leche!

    Tra l'altro, anche io capito qui per la prima volta seguendo il tuo commento su un post di Sigrid alias Cavoletto, e ne sono proprio contenta: bel blog!

    RispondiElimina
  8. Primo commento e tanti complimenti,approdo qui dal cavoletto,che adoro,e scopro qui un blog Sigrid-style ma piu' intimista direi e,fino ad ora,molto abbordabile (leggi con cio' "ricette nuove,carine ma con ingredienti facili da reperire"...questa della difficoltà nel trovare la materia prima ha,a volte,valso qualche critica a Sigrid,personalmente non ha mai contituito un problema ma é riposante leggere una ricetta e dirigersi in cucina per realizzarla senza dover fare prima il giro di negozi specializzati!),la mia amica argentina mi ha detto che gli alfajores sono ottimi anche se lei il dulce de leche lo compra già fatto al supermercato...dev'essere una pigrona perché mi sembra cosi facile!
    Concludo rinnovandoti i miei complimenti,anche per le foto,ed attendo impaziente la prossima ricetta (magari delle impanadas che non ne ho ancora trovate due con lo stesso impasto e che quindi non ho mai preparato ma che adoro).
    Cristina

    RispondiElimina
  9. Tentatrice! Uffà mi sa che dovrò aggiungere anche questi ai miei fianchi ;-)). BACi

    RispondiElimina
  10. @Carola: tutto sistemato, si ci vediamo Domenica!! Grazie di cuore per questo bel incontro che hai organizzato:))
    @Jasmine: Grazie!! vengo subito anch'io da te, ce non ti conosco ancora;)
    @Cristina: Ma guarda che tu sei un amore!!:) Sigrid-style... magari... maahh, mi vedo parecchio indietro... pensa che la macchina fotografica (si,si una reflex carina, non la migliore però), la uso ancora in automatico, che sennò non saprei da dove iniziare; infatti la parte fotografica è la più difficile, almeno per me. Riguardo al dulce de leche, quelli argentini che si trovano in giro sono buoni, ma davvero, in quello fatto in casa senti proprio il sapore del latte, in quello comprato senti prima di tutto sapore di caramello. Las empanadas saranno sicuramente un mio post a breve, magari dopo Natale, e penso di realizzarle con ripieni diversi (carne, mais, gorgonzola e noci ecc). Passa a trovarmi presto, spero di non deluderti!!
    @Sabri: Bentornata... e si... sono una bella bomba di calorie!!

    RispondiElimina
  11. Ma sai che sono dopo esserci scritte ho fatto il programmato giro del tuo blog.... e mi sono fermata subito! Ma è un neonato!!! Complimenti, non l'avrei mai detto, l'hai già così ben impostato, tutto bello completo, le foto sono ottime, ti credevo una veterana! Persino io, con i miei 2 mesi poco più, sono più vecchia di te! Ma a differenza di Aroma di Casa, nel mio si vede, oh se si vede!
    Sembrano buoni gli alfacosi, e ci credo che fotografi tutto in automatico: col marito che ti trovi, se perdi tempo ad impostare la macchina, poi fotografi il piatto vuoto con 8 briciole....
    A presto, e felicidades!
    Dani

    RispondiElimina
  12. @Danielaaaaaa mi fai morireeee!!! ho le lacrime agli occhi!!!! Se vengo dalle tue parti, scusa sai, ma ci dobbiamo vedere, che saranno momenti di pura risata.
    PS: adesso però mi metto seria: si dice ALFAJORES;))

    RispondiElimina
  13. Allora vi aspetto! Io faccio la spesa, e tu ci prepari un bel pranzo argentino! Ovviamente sono dispostissima a fare la sguattera.
    A prestooooo !
    Dani

    (alfacosi alfacosi alfacosi!)

    RispondiElimina
  14. @Daniela:AAAAHHHHHAHHHHHAHHHH:)))))

    RispondiElimina
  15. @Beatrice: Sono contenta che ti sia piaciuto tutto. Si il matche in effetti, o ti piace o non ti piace, ma comunque anch'io ho notato questo aroma profumato, voglio dire, quando lo mangi lo senti con il naso:)
    Notte!!

    RispondiElimina
  16. Mamma mia che delizia! ho l'acquolina solo a guardare!

    Ps: x i pirottini di carta li trovo a Piove di Sacco sono della Domopak!

    ciao1

    RispondiElimina
  17. *patricia: eh sì, molto argentino... in questi giorni freddini sono molto propensa alla preparazione del dulce. adesso siamo nella fase di scelta del latte, o meglio lui quando sente un latte che gli piace molto (in genere un filino più grasso), lo propone...
    ma a te quanto "frutta" un litro di latte, in termini di vesetti finali?
    (io in normandia ho assaggiato da amici la confiture, fatta in casa, è molto chiara, non mettono affatto il bicarbonato, e leggermente più "delicata")...
    ciao!

    RispondiElimina
  18. @Vaniglia: Bentornata:) Il latte è giusto che sia intero, poi di miglior qualità è più velocemente si fa il dulce (mi è capitato di farlo con latte di montagna ed il risultato finale era buonissimo).
    Con un litro faccio 450-500 ml. di dulce ( e riempi 60 alfajores più o meno).
    Buona notte|-)

    RispondiElimina