venerdì 9 dicembre 2011

La Busecca di mia nonna Maria e una storia romantica segreta ;)



Vi racconto una storia.
Maria era la mia nonna italiana, la madre di mio padre.
Una vita abbastanza avventurosa la sua dato che, a 20 anni si è sposata per poter fuggire a Buenos Aires con mio nonno Antonio, ricco possedente terriero del Bresciano.
Sono fuggiti perché la famiglia di mio nonno non accettava questo matrimonio con una contadina, anche se le terre erano comunque sue.
Erano tutti e due bellissimi, lui altissimo, quasi due metri, fisico scolpito, naso e labbra prominenti, ambizioso e testardo. Lei piccola, delicata, con lunghissimi cappelli biondi, viso perfetto.
In Argentina mio nonno ha fatto subito fortuna con i trasporti, nel giro di 5 anni aveva una delle flotte di camion per trasporti più importanti della capitale.
Purtroppo è morto a 40 anni di leucemia.
Mio padre, che aveva a quel tempo 15 anni, (mia zia 8 mesi), si è messo a lavorare tutte le notti con un tornitore. Da li in poi, a 21 anni aveva la prima azienda produttrice di condizionatori in Argentina, la vecchia Surrey-plametal (forti questi uomini della mia famiglia!).
Ve la faccio breve, mia zia, in un viaggio in Italia ha conosciuto mio zio, si è sposata con lui e mia nonna è andata a vivere con lei a Trento.
Mio padre, dopo tante scorribande da bon vivant, ha deciso di sposarsi a 38 anni con mia mamma.
Mia nonna veniva a stare con noi dei mesi a Buenos Aires e, ogni tanto, tra un risotto alla milanese emozionante, un ossobuco e una polenta e osei, diceva: hoy voy a fare la busecca!Mia nonna Maria era la massima espressione del itañol parlato, un vero delirio da mal di testa.
E lì si metteva a cucinare e cantare canzoni del nord tipo mazzolin di fiori, stella alpina ecc, quando di colpo ( ogni volta) irrompeva con 'o surdato 'nnammorato e, davvero questa, anche se abbiamo sempre voluto delle spiegazioni, non la abbiamo mai capita ;))
Diceva mia nonna che la busecca è come il ragù, ognuno ha la sua ricetta, la sua era dolcissima per la forte presenza di carote, con una buona acidità data dai pomodori. Lei utilizzava un buon brodo di carne e verdure, molto sapido. Non serve dire che adoro questo piatto :))

Un'altra volta vi racconterò la storia di mia nonna Lucia, che con il suo matrimonio combinato, davvero, non era da meno!

Ingredienti per 2:
500 g di trippa di vitello
3 carote grosse tagliate a cubetti piccoli
1 grossa cipolla tagliata sottile
3 foglie d alloro
2 denti d'aglio schiacciati
4 pelati
1 tazza di sugo di pomodoro
1 litro di brodo di carni e verdure miste già salato
100 g di pancetta dolce tagliata a cubetti
olio evo
sale q.b.
pepe q.b
grana padano grattugiato

Lavare e pulire molto bene la trippa, lasciarla a bagno qualche ora cambiando l'acqua spesso. Risciaquarla e tagliarla a striscioline sottili.
In una casseruola imbiondire l aglio e la cipolla in due cucchiai d'olio, aggiungere la pancetta e poi la trippa mescolando sempre bene per insaporire il tutto. Aggiungere i pelati e le carote e, finalmente il sugo di pomodoro, l alloro e la meta del brodo che deve coprire appena tutti gli ingredienti. Coprire e far sobbollire per 2 ore e mezza - 3 ore sino a che la trippa sia molto morbida. Aggiungere man mano del brodo rimanente.
Aggiustare di sale e pepe, servire con del grana.

Un abbraccio, buon week end a tutti:)


- Posted using BlogPress from my iPad

16 commenti:

  1. Che bella questa storia.....emozionante come sanno essere solo le storie dei tempi trascorsi..e dei nostri nonni!!! E la ricetta, buonissima!! Ciao ciao!!

    RispondiElimina
  2. Bellissima storia, mi ricorda i libri di Isabel Allende! La busecca mi piace tantissimo, anche la mia versione è bella dolce e "carotosa". Grazie per il racconto e la ricetta. A presto, Babi

    RispondiElimina
  3. Anche io da poco l'ho riscoperta e mi piace davvero tantissimo! Baci

    RispondiElimina
  4. Anche la mia nonna, la nonna che amavo tanto e ho perso troppo presto, si chiamava Maria. Mi sono commossa a leggere la tua storia :) Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  5. Bella la storia, mi hai intenerito.
    Buona la trippa, non l'ho mai cucinata così ma la proverò.
    Buon fine settimana
    Mandi

    RispondiElimina
  6. Ciao, mi fa molto piacere conoscerti. La mia nonna paterna e' nata in Brasile, a San Paolo, da genitori italiani, bergamaschi, emigrati. Anche a casa mia la trippa si chiama buseca. Bellissima storia. Come sempre il cibo racconta. Buon week end, a presto

    RispondiElimina
  7. questa storia è muy carina.
    SEcondo me tua nonna ha origini partenopee perchè anche mia mamma napoletana usa il termine busecca per chiamare la trippa ciao

    RispondiElimina
  8. che bella storia Pat,piena d'amore e di bei ricordi...la ricetta non la conoscevo e ti ringrazio..un bacione....

    RispondiElimina
  9. che bella storia Patricia! le storie di vita mi emozionano sempre...!
    sono rimasta affascinata dal tuo blog e ti seguirò spesso... :)

    un abbraccio

    Gloria

    www.paroleripiene.com

    RispondiElimina
  10. Quanto mi piacciono le storie di vita e visto che della tua nonna tu mi hai già parlato sul treno in direzione Zurigo, era un poò come conoscerla già. Ma la sua ricetta, beh, quella è una piacevole scoperta. Un bacio grande tesoro...a presto.

    RispondiElimina
  11. Ciao! Capito per caso nel tuo blog e mi ritrovo a leggere una teneressima storia, poi mi ritrovo una gustosissima ricetta... Davvero complimenti!

    RispondiElimina
  12. "Ecco per te il 3° numero di OPEN KITCHEN MAGAZINE!
    Per sfogliarlo gratis clicca sul mio nome mittente.

    Un abbraccio,
    il Team di OPEN KITCHEN MAGAZINE

    ps: ci farebbe molto piacere se potessi condividere il banner del magazine con tutti i tuoi amici! Per farlo basterà andare sul nostro sito, nella sezione "condividi" e prelevare la copertina del magazine.
    Te ne saremmo davvero grati! ^.^"

    RispondiElimina
  13. Bello questo tuo racconto e anche la Ricetta ciao

    RispondiElimina