martedì 22 marzo 2011

Ravioli di gamberi al vapore (Japan style)


E' un momento mondiale molto difficile.
Non faccio altro che pensare a questa nuova guerra e sono tanto dispiaciuta per la situazione di catastrofe del Giappone, un popolo caratterizzato da una perfezione ed una armonia tutta loro, è davvero un paradosso che  vivano momenti come questo.
Vi lascio nuovamente il link di For Japan with Love che raccoglie contributi per l'aiuto di questo paese.
Quando Donne sul Web mi ha hiesto una ricetta al vapore ho subito pensato ai gyoza giapponesi che sono dei ravioli solitamente ripieni di carne e cotti in padella.
Ho provato invece un ripieno di gamberi e li ho cotti al vapore negli appositi cestini di bambù. Il risultato, neanche dirlo, è perfetto e quasi quasi mi piacciono di più così dato che sono molto più delicati.
La ricetta la trovate qui.
Un abbraccio a tutti.


19 commenti:

  1. E' un pensiero bello, non conoscevo ancora il link che segnali, ma te ne ringrazio... la rictta mi piace già dalla foto: la salsina la metto anch'io nelle stesse ciotoline ;)
    Comolimenti per il tuo new look, molto leggero e raffinato, brava!

    RispondiElimina
  2. sì, è davvero un momento difficile e molto, molto triste.
    ottima la tua ricetta. un abbraccio

    RispondiElimina
  3. E se invece di buttare denaro all'aria in bombardamenti lo si usasse in maniera costruttiva per aiutare il popolo giapponese...stamattina sono in vena un po' polemica!!!
    Delicati nella forma e nel ripieno questi ravioli. Ovviamente, con la poca simpatia per la carne e l'amore per il pesce, non posso che approvare la variazione su tema :D! Un bacione tesoro, buona settimana

    RispondiElimina
  4. nn parliamo di sta cosa x favore,vivo in Sicilia e mi brucia particolarmente il c**o,passatemi il francesismo,sia per questa situazione scabrosa sia per gli sbarchi!!!

    RispondiElimina
  5. Un bel pensiero... la ricetta è strepitosa e presentata divinamente! grazie per il link...
    buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Sposo il pensiero di Mirtilla, persino il francesismo, ma in Sicilia proviamo questo, e i Lampedusani sono allo stremo!
    Ottima la ricetta!

    RispondiElimina
  7. Che belli che sono questi ravioli e visto anche la causa per cui sono stati preparati lo sono ancora di più.
    un bacione e buona settimana!

    RispondiElimina
  8. Che belli! Non li ho mai fatti!
    Mi associo al tuo pensiero sia per questa nuova guerra sia per i giapponesi (popolo che adoro e stimo)... Facciamo tutti una preghiera affinchè si risolva il tutto per il meglio...

    Buona giornata cara,
    Raffa

    RispondiElimina
  9. una ricetta davvero interessantissima e un inno al giappone che in questo momento sta attraverso forse il periodo storico piu difficile....e un 2011 davvero catastrofico...guerra, catastrofi naturali bambine sparite e uccise...insomma in qualche modo ne dobbiamo venire fuori!!bacioni imma

    RispondiElimina
  10. bella idea, condivido il tuo pensiero.. e complimenti per la ricetta e anche la foto! troppo carina...

    RispondiElimina
  11. un post che condivido per i sentimenti che ispira. vado subito a leggermi la ricetta: mi incuriosiscono questi ravioli jap. baci grandi

    RispondiElimina
  12. Bellissima la ricetta, e cio' che evoca. Un bacione :-)

    RispondiElimina
  13. sembra davvero una squisitezza! da provare! bacioni!

    RispondiElimina
  14. Io sono amante degli involtini.. quindi proverò a fare la ricetta che consigli tu... e davvero complimenti per il nuovo vestitino.. bacio carissima

    RispondiElimina
  15. hai ragione è un momento difficile e preoccupante ora vengo a commentare la tua splendida ricetta.
    Baci

    RispondiElimina
  16. Che periodo.....
    Comunque i tuoi ravioli giapponesi sono fantastici!
    Bacione

    RispondiElimina
  17. Carissime: vedo che anche in voi c'è preoccupazione e sconforto. Devo dire che oggi, davanti a tutti questi eventi, mi sento molto piccola e molto impotente, io che sono una grande ottimista, oggi sento che tutto quello che costruiamo giorno per giorno può essere mandato in area senza un perché che ci appartenga.
    Oggi davvero guardo i miei figli e mi chiedo che mondo vivranno nel prossimo futuro oppure mi chiedo se potrò lasciare loro qualcosa di forte e inespugnabile, qualcosa che gli faccia sorridere di fronte a la vita. Oggi non mi basta crearmi il mio mondo di lavoro, piccole cortesie e piacevolezze, piccolissime ma che fanno tutta la differenza.
    La vita che vivono oggi queste persone in Giappone, con addirittura un'altro movimento sismico, gli eventi di Tripoli, gli sbarchi.... oggi vedo tutto troppo in negativo. Non vi annoio più. Domani sara un'altro giorno.
    besos

    RispondiElimina
  18. cara patricia, questa ricetta corro subito a vederla e me la segno ^_^

    RispondiElimina