giovedì 3 febbraio 2011

La mia giornata a Identità Golose # 2: dessert e video :)


Come promesso, la seconda parte di quello che ho visto a Identità Golose.
E oggi, cari miei,  parliamo di dolci, e che dolci!!
Sono stata da Tatsuya Iwasaki, pasticcere Giapponese del ristorante "Agli Amici" dove lo chef è Emanuele Scarello, conosciuto anni fa alla Mostra del Cinema di Venezia, dove gestiva la cucina del Ristorante organizzato dalla San Pellegrino (ed è stato un pranzo piacevolissimo!!).
Iwasaki ci sorprende in primis con uno strudel, il suo strudel scomposto. Noi aspettavamo qualche dessert un po' fusion che convogliasse Oriente e Occidente. Niente di tutto ciò.
Purtroppo lo strudel non ho potuto assaggiarlo pechè nelle ultime due file non è mai arrivato ma il concetto era questo: un fondo di purea di mele e succo di limone (piuttosto liquido e leggermente acidula) cotte a sottovuoto nel microonde, adagiato sopra un quadrato di sfoglia, pinoli tostati, uveta macerata nella grappa e, piacevole sorpresa, una pallina di gelato alla grappa.
Il secondo dessert invece ha delle reminiscenze da colazione. Apparentemente è un uovo in tegamino con un bastoncino di dorato pane tostato. E qui il senso metaforico giapponese emerge.
Questo piatto è realizzato con un tuorlo d'uovo sbattutto e ricomposto in una semisfera, congelato e vestito di un velo di agar agar aromatizzato al mandarino, questo tuorlo è adagiato su una tenera meringa, un bastoncino di tenero biscotto alle mandorle e gelato al rosmarino.
Un sogno surreale assaggiare quel tuorlo che esplode in bocca e che sicuramente Acquaviva vi spiegherà la procedura meglio di me! (visto Annalena,  non l'ho ancora ben capita!), coccola la meringa tenera e strepitoso il sorbetto al rosmarino:) Un dessert innaspettato:))


Finisco le mie Identità Golose con Marion Lichtle, Pasticciere del ristorante "Il Pagliaccio" di Roma.

Marion inizia spiegando i processi di degustazione dei dessert: a fine pasto siamo praticamente stanchi di mangiare, vorremmo concludere con un buon caffè ma ci abbandoniamo ad un dessert. Questo primo dessert deve essere rinfrescante, deve pulire assolutamente il palato e dare una sferzata di energia. Ecco dunque che arriva la "Granita di limone e zenzero con biscotto al finger lime" Seplicissima la granita eseguibile a casa dato che Marion ha sottolineato che dopo essersi ghiacciata va semplimente rotta con una forchetta. E' una granita altamente astringente che pulisce decisamente il palato faccendo dimenticare qualsiasi cosa noi abbiamo mangiato in precedenza.


Risvegliato il desiderio di mangiare nuovamente, continua Marion, è perfetto il "Semolino caldo, croccante ai pinoli, gelato al miele, clementine e rosmarino.


Qui infatti potete vedere quel tenero quadrattino di semolino che è una gioia sentire in bocca, lievemente dolce e cremoso, profumato in abbinamento perfetto con i pinoli sia tostati sia rivestiti di cioccolato fondente e per dare una punta citrica, 2 spicchi di clementine in salsa di succo di clementine e rosmarino, dal sapore corroborante.
Per finire un "Caramel mou... ciocco menta" dal sapore e dalla consistenza indimenticabile (e che preparerò a casa, sperando di esserne capace, dato che la procedura è particolare ma non difficile;))
Come vedete non l'ho nemmeno fotografato e non ne ho mangiato uno ma... tre!!!

Vi lascio anche un video un po' generale dell'evento e un grazie a tutte le belle persone che ho incontrato (post #1) e a Elisa Pella Magenta, che purtroppo, non ho potuto conoscere di persona.


Vi auguro a tutti buon week end!

14 commenti:

  1. Che peccato non esserci incrociate :(

    RispondiElimina
  2. il tuorlo, di succo di mandarino miscelato ad addensante e anticoagulante, si congela in stampini semisferici e poi si passa in gelatina vegetale a 90°, in modo che la gelatina formi subito un film sulla superficie del tuorlo. Quando si riporta il tuorlo a temperatura ambiente la parte arancione si riscioglie ma resta contenuta nel film di gelatina fino a che non lo spezzi con la forchetta, quasi come un tuorlo vero.
    (PS: tu non haio assaggiato lo strudel ma a me non è arrivato l'uovo. Vedi che c'è una giustizia a questo mondo?!)

    RispondiElimina
  3. Che bel video! Ma quante cose buone avete assagiato?
    A presto
    Raffa

    RispondiElimina
  4. L'idea del tuorlo ricomposto mi sconvolge un po', forse perchè non amo l'uovo crudo, ma di certo le sorprese e le emozioni non sono mancate. Un bacione tesoro, buon we

    RispondiElimina
  5. con la tua attenta e precisa descrizione è come esser stati lì, grazie, un bacione!

    RispondiElimina
  6. Grazie per questo delizioso e preciso post, ciao

    RispondiElimina
  7. Ciao Patricia,
    mi sono persa queste conferenze e sono contentissima di averle seguite con i tuoi occhi... che meraviglia di pasticceri!!!!!

    RispondiElimina
  8. Grazie Patricia per il tuo racconto e per il video!!!

    RispondiElimina
  9. Bello il video Pat, coglie appieno lo spirito delle giornate. Un bacio e buon weekend, Sabri

    RispondiElimina
  10. @Reb: davvero peccato:((
    @Babuska: grazie bella, ti abbraccio:)
    @Mirtilla: grazie"
    @Acquaviva: hai visto che non l'avevo ancora ben capito? si, è vero, non c'è giustizia... :)
    @Raffaella: parecchie!!! ma come sai, non basta mai:)
    @Federica: già ma era davvero buono, ti abbraccio!
    @Chiara: grazie, mi fa piacere:)
    @Stefania: grazie a te, besos:)
    @Tery: mia Cara, so che c'eri anche tu! peccato non averci conosciute! Vuol dire che per compensazione io seguirò le tue! ;))
    @Ale: grazie a te di essere passata, buon we!
    @ Sabri: grazie! ti abbraccio forte:)

    RispondiElimina
  11. Bellissimo racconto! Ti invidio vorrei essere stata lì anche io, mannaggia al vivere in provincia...Bacioni, Simona

    RispondiElimina
  12. Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

    RispondiElimina