mercoledì 17 novembre 2010

Il coniglio del cacciatore


E' la prima volta che partecipo al challenge di Menù Turistico. Ho sempre seguito con interesse le ricette realizzate,  meravigliata dal fatto che una ricetta potesse interpretarsi in tanti modi diversi.
Confesso di essere un po' pigra a partecipare a questi contest, e la cosa mi dispiace molto.
E' succeso  però qualcosa dentro di me quando ho letto che la ricetta era il coniglio alla cacciatora e mi sono domandata il perchè, dato che in Argentina il coniglio non si mangia.
Dal fondo della mia memoria è emmerso un ricordo di questo piatto che era il preferito di mio nonno italiano, ma non solo: mio padre, cresciuto in Argentina, come quasi tutti gli uomini di quel tempo andava a caccia e, quando cacciava la lepre, amava dire che l'avrebbe data al cuoco per fare il coniglio alla caciatora (naturalmente in memoria di suo padre). E' così che ho fatto una cacciatora come piacerebbe a lui, senza pomodoro e avvolta in una golosa crosta, semplicemente da mangiare con il cucchiaio seduti su una coperta come in un picnic autunale. Ho usato  i suoi amati porcini, e un pò di scalogno, il tutto incendiato da un buon Jerez.  Per concludere, fortunatamente ho trovato l'utilità a quella borraccia da caccia che ogni volta guardavo con tanto affetto e che era rimasta da parecchio tempo nel cassetto dei ricordi :)

Per 2 persone (2 coccotte)
400 g. di carne di coniglio tagliata a pezzetti
2 cucchiai d'olio extravergine
1 noce di burro
60 g. di pancetta tagliata a cubetti
2 scalogni grandi tagliati a fettine sottili
1 dente d'aglio
100 ml di Jerez
150 g di porcini tagliati a fettine
3 rametti di timo
1/2 rotolo di pasta sfoglia
sale e pepe q.b.

Preparate i funghi porcini puliti e tagliati a fettine. In un padellino mettete una noce di burro e un cucchiaino d'olio e portate ad alta temperatura, aggiungete i porcini e mescolate velocemente (devono essere appena croccanti ma non abrustoliti). spegnete il fuoco aggiungete le foglioline di 1 rametto di timo e regolate di sale e pepe.
Accendete il forno a 200°.
Rosolate in olio e burro  l'aglio, gli scalogni e la pancetta, quando la cipolla è dorata aggiungete i cubetti di coniglio e cuocete a fuoco vivo per 5 minuti mescolando ogni tanto. Aggiungete il jerez e fate prendere fuoco  per qualche secondo. Aggiungete  il timo e fate cuocere per 4-5 min fino ad addensare il fondo di cottura. Spegnete il fuoco e regolate di sale e pepe. Ritirate l'aglio.
Rempite 2 cocotte con il coniglio e chiudete con 2 cerchi di pasta sfoglia (i cerchi devono essere un po' piu grandi del diametro delle cocotte). Spenellate con 1 uovo sbattuto e macinate del pepe a piacere.
Infornate sino a che la sfoglia diventa dorata (più o meno 12-15 min).


Con questa ricetta partecipo al MT CHALLENGE- Una ricetta, una sfida

MT CHALLENGE- Una ricetta, una sfida

29 commenti:

  1. Mi piacetantissimo, e domattina vedrai che abbiamo avuto un'idea molto, moooooolto simile :-)

    Che bella foto!

    RispondiElimina
  2. che meraviglia di post Patricia, foto meravigliosa e ricetta da leccarsi i baffi! bravissima, a presto cara, un abbraccio...

    RispondiElimina
  3. andrea danieletto17 novembre, 2010 17:17

    bella ricetta da passare alle mie clienti che vogliono acquistarsi le coccotte

    RispondiElimina
  4. Che originale rivisitazione tesoro, lo hai ingabbiato per benino questo coniglio, anche in deliziosa compagnia. Un grosso in bocca al lupo per la ricetta e un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  5. Ciao patricia, che piacere aver trovato il tuo blog!Anch'io partecipo all'MT challenge di questo mese e all'inizio il titolo del mio post era uguale al tuo :)
    Anche il mio papà è un cacciatore, e anche il mio nonno lo era!
    Questa cocottina è davvero golosissima, la foto splendida.
    Il gusto esplosivo mi piace, bravissima!
    Da oggi ti seguo anch'io perchè ho visto molte altre bellissime ricette qui sul tuo blog, a presto!
    ^^

    RispondiElimina
  6. Condimento da leccarsi baffi e tutto il viso ^_*
    Baci tesoro...
    p.s bella la borraccetta

    RispondiElimina
  7. Che bella questa versione del coniglio alla cacciatora!!! Mi stuzzica tantissimo! Proprio da leccarsi i baffi!!! :DDDD

    RispondiElimina
  8. PS. Meno male che hai deciso di partecipare a questo challange...altrimenti guarda che ci perdevamo!! :)

    RispondiElimina
  9. Che bella ricetta, Patricia. E che bello condividere con noi i ricordi che questa ricetta ha richiamato alla tua memoria. Un'altra storia di nonni- e quindi di un altro tempo, dove la vita aveva ritmi diversi, più lenti, più umani e la cucina si adattava a quelli, con questi piatti di territorio, che di più non si può.
    Sono proprio felice che tu sia dei nostri
    ale

    RispondiElimina
  10. Patricia è un ottima reinterpretazione e mi sembra davvero molto affascinante! mi piace l'idea della pasta sopra che protegge lo scrigno con il tesoro :-))))

    RispondiElimina
  11. Brava Pat..io sono esonerata dal coniglio..sto cercando un cordero..Baci

    RispondiElimina
  12. E' bello il modo in cui lo hai cucinato questo coniglio gustoso e bella l'idea della cocotte, brava un bacio e buona serata

    RispondiElimina
  13. Se il coniglio è venuto buono la metà di come sono splendide foto e presentazione.... GNUMMM !!
    :)
    Patricia, mi stai diventando troppissimo brava in tutto!

    RispondiElimina
  14. Ciao Patricia, eccomi qui a gustarmi questo coniglio del cacciatore.
    Una rivisitazione davvero stupenda!! La storia che si intravede fatta d'amore, rispetto, nostalgia, mi piace, le da un valore aggiunto!
    Hai fatto davvero bene ad iniziare questo gioco con tutti noi, benvenuta!
    baci

    RispondiElimina
  15. brava Pat! mi piace la tua ricetta remember, mi piace la presentazione , mi piacciono gli ingredienti! complimentissimi!
    (io sono indietrissimo con l'MT...mi sa che devo darmi una mossa!) BACI GRANDI

    RispondiElimina
  16. @Tutti: qui a casa qualcuno ha criticato il modo nel quale ho scritto questo post, portate pazienza, a volte le sintassi non vanno proprio bene!
    @Stefania: non vedo l'ora di vedere il tuo e leggere la tua storia, sono sempre divertentissime:)
    @Chiara: grazie, ti abbraccio
    @Andrea: già!! :)
    @Federica: ti abbraccio anch'io:)
    @Meggy: benvenuta, mi fa piacere questa coincidenza, tu si che hai capito le mie sensazioni, vero? un caro saluto:)
    @Gaia: grazie! vero che è tanto carina?
    @Tery: grazie cara, a presto:)
    @Alessandra: eccoti qui:) hai proprio ragione, altri tempi e altri ritmi! Anch'io sono proprio contenta:)
    @Ely: Grazie e grazie ancora per la tua risposta via mail, li farò sicuramente:)
    @Simonetta: adoro el cordero! en Argentina lo hacen re bien! no veo la ora de ver tu receta, un besote:)
    @Dani: ma grazie tesoro, che bel complimento!
    (mio marito ha detto che è una dele cose più buone che ha mangiato fatte da me... esagerato!!)
    @Ginestra: benvenuta, sono contenta che tu abbia capito ed apprezzato, un caro saluto:)
    @laroby: indietrissimo? ma se li hai fatti tutti!! grazie delle belle parole, sei stupenda come sempre!!

    RispondiElimina
  17. Che dire? Io ti vedo già sul podio....;-)

    RispondiElimina
  18. @ Libera: esagerata!!! felicissima di trovarti anche su FB:) ti abbraccio

    RispondiElimina
  19. wow che bella, sta ricetta...
    se penso agli anni di "coniglio al forno, polenta e patatine" alla domenica, scappo ancora, però questa variante quasiquasi mi ci fa ripensare. Sei super ;)

    RispondiElimina
  20. Questo piatto scalda la pancia e il cuore, stupendo! E' vero che in alcuni paesi il coniglio non si mangia ma si privilegiano altre carni. In Italia invece la tradizione è molto ancorata al coniglio e questo mi piace.
    Baci

    RispondiElimina
  21. Presentazione perfetta! E' un piatto troppo invitanteeeeeeeee

    RispondiElimina
  22. ciao cara, è una ricetta molto interessante e che si presenta benissimo. Io non mangio coniglio, ma magari può andare bene anche con altre carni.
    Tu sei sempre bravissima, i tuoi piatti hanno sempre qualcosa di speciale.
    Un bacione

    RispondiElimina
  23. Che meraviglia questa ricetta!!!
    Anche mio nonno era cacciatore e mia nonna preparava un coniglio alla cacciatora sublime. Peccato che allora non mi interessassi tanto di cucina e adesso la nonna non c'è più molto con la testa (poverina ha ragione, ha quasi 105 anni!) ed è inutile chiederle lumi.

    La tua interpretazione mi piace da matti, così come la bella borraccia!

    RispondiElimina
  24. Bellissima ricetta, foto che evocano quello che ci hai raccontato e... quella borraccia!! Piacerebbe tantissimo a mio suocero cacciatore!! Un abbraccio, Lucia

    RispondiElimina
  25. ma... wowwww!! questa me la segno al volo!! davvero un'interpretazione fantastica!!

    RispondiElimina
  26. Sono in ritardo per il commento? Eccerto!
    Però il tuo post mi piace: belle le foto, coinvolgente il racconto e per la ricetta... ah beh, quella te la copio!

    RispondiElimina
  27. @Cinzia: Grazie:)
    @Edda: che bello rivederti! besos
    @Ramona: benvenuta e grazie:)
    @Viola: ma grazieee! penso che così venga bene anche il pollo o il tacchino
    @Mapi: Ohh quanti anni ha la tua nonnina!un abbraccio anche a lei:)
    @Lucia: penso che quella borraccia risalga agli anni '50, quando mio papà era ancora giovane, infatti il tappo è cromato, tipico dell'epoca. Adesso il cromo non è più permesso, infatti non la uso ma anche a me piace moltissimo. Grazie!
    @Vale: grazie di cuore, a presto:)
    @Carlotta: ohh finalmente! non ti vedevo più da un pezzo, come sono contenta che tu sia tornata! un abbraccio:)

    RispondiElimina
  28. E' divina..... e anche la foto è bellissima....brava....ciao Flavia

    RispondiElimina
  29. Bellissimo e attirantissimo! sembra bello cremoso dentro.... A presto, Giorgia

    RispondiElimina