venerdì 1 gennaio 2010

Decotto detox-kitsch di zenzero



Oooohhhh  ma che brutta foto!!! santo cielo è inguardabile!!!!
Sisisisiiii, lo so, ma il primo giorno dell'anno voglio fare una cosa che non avrei mai fatto.
Si, perche in fatto di colori, la mia vita ruota tra le diverse tonalità del bianco, nero, beige (o greige o griggi).
Tutto misurato sempre alla ricerca del buon gusto e mai (dico mai) un colore di troppo.
Non arrederei la casa con questi colori, non mi vestirei mai con colori stridenti... ma si dà il caso che abbia questi 3 oggettini decisamente molto colorati e allora, per giocare e divertirmi un po' li ho messi insieme... con un risultato decisamente kitsch.
Seriamente oggi è il giorno detox, per questo scopo niente di megli che il decotto allo zenzero.
Chiaramente non è una ricetta, e, senz'altro saprete farlo anche voi, ma comunque spiego:
Sbucciare un pezzetto di radice di zenzero fresca, tagliare a fettine, mettere in un pentolino con acqua, portare a bollore e lasciar sobollire per 10-15 min. Più bolle più diventa concentrato ed efficace.

Naturalmente c'è chi ieri di bagordi non ne ha fatti (che so... magari una influenza che non solo vi ha portato a stare a letto la sera di San Silvestro, ma, siccome stavate male, non avete mangiato niente, E ALLORAAA....



Fotografata al volo e al buio prima di andare da amici a cena, questa è la torta frangipane con le mele del Libro del Cavolo di Sigrid.
Deliziosa, tanto è che quando è stata servita si è sentito qualche secondo di mmmm, mmmmm, mmmmmm, mmmm. Insomma sono soddisfazioni, non vi pare??


6 commenti:

  1. Io adoro i decotti di zenzero, li faccio spesso quando sono malata come in questi giorni... mi mangio anche una fetta della tua torta, sono una di quelle strane persone che non perdono l'appetito nemmeno quando stanno male! buon anno

    RispondiElimina
  2. @Gloria: buon anno anche a te:) In effetti se hai influenze o raffreddori, lo zenzero è un toccasana. Serve anche come digestivo, tonico e alza il livello immunitario... e la mia radice-feticcio!!
    Baci, a presto;)

    RispondiElimina
  3. Io sono di quelle che non ha affatto bagordato: letto alle 9 e buio alle 10, tra una giornata di sci e l'altra! In effetti da qualche anno scegliamo di andare in montagna proprio per ignorare bellamente il capodanno! Comunque sono anche una delle 3 che non conosceva le proprietà dello zenzero, ma da adesso non più, grazie a te! Visto che tu mi lanci sempre inputs geniali per i miei post, provo a ricambiare: perchè non fai una bella "monografia" sulla tua radice feticcio, lo zenzero? Sarebbe utilissima per le povere inette come me che ancora lo guardano con sospetto negli scaffali del super....
    Ciaooooo!

    RispondiElimina
  4. @Dani: che bello il capodanno in montagna. Purtroppo per noi quest'anno niente montagna. Mi da un po' fastidio (ma l'accetto ehhh) la festa a tutti i costi, che più tardi fai più ti diverti...non sono più così. Preferisco di gran lunga una riunione intima in montagna e il giorno dopo sciate presto (anche se scio malissimo! della pampa sono, io);)

    RispondiElimina
  5. Cara PoromPampera, se la cena di Capodanno la cucinassi tu, potrei anche rivedere le mie idee su questa festa, sopravvivere fino a mezzanotte e 10, e perfino rinunciare al 1° dell'anno sugli sci....
    Besitos,
    Dani

    RispondiElimina
  6. @Dani:sono d'accordo, l'anno prossimo...Natale BiancoNeve sulle colline di Firenze!!!

    RispondiElimina