venerdì 8 gennaio 2010

Arroz con leche



Dessert d'infanzia.
L'arroz con leche è argentino, ma non solo. Senza andare troppo lontano lo fanno anche in Grecia e Spagna.
Per molti anni è stato il mio dessert preferito abbinato alla cannella, così a 4 anni ho scoperto questa spezie che è senza dubbio  la mia preferita. Per dire, se mi faccio la cioccolata calda aggiungo la cannella, le mie caramelle preferite sono alla canella, pere e mele cotte.... cannella in quantità, e così via.
Le ricette sono tante, con il tempo ho adottato questa, e anche se ormai non è il mio dessert preferito come un tempo, ogni tanto ne faccio pocchissimo solo per me, dato che qui a casa non piace a nessuno (marito e figli italianissimi!!).
Il concetto della cottura è uguale a quella del risotto, per questo uso un riso da risotto, vialone nano o carnaroli. Chiaramente  gli ingredienti si aggiungono tutti in una volta sola.
La caratteristica del mio arroz con leche è l'aggiunta di buccia di limone (parecchia) durante la cottura perche, secondo me, dà quella punta di freschezza necessaria di fronte a tanta dolcezza;)
C'era anche una canzoncina che si cantava da bambini centrata sul arroz con leche, e diceva così:
Arroz con leche, me quiero casar
con una senorita de San Nicolàs
que sepa coser, que sepa bordar,
que sepa abrir la puerta para ir a jugar
(vabbè, robe giurassiche, insomma!!)

1litro di latte intero (o scremato se volete)
100 gr. di zucchero
180 gr. di riso vialone nano (è più piccolo degli altri, essendo un dessert lo trovo più adeguato)
Buccia di 1/2 limone (in 3 pezzi, non gratuggiato)
Cannella

Versare in una pentola il latte, lo zucchero, il riso e 1 dei 3 pezzi di buccia di limone.
Portare a bollore, cuocere a fuoco medio basso mescolando spesso. Quando il riso è cotto al dente, ritirare, aggiungere gli altri 2 pezzi di buccia di limone e mescolare bene. Lasciando raffreddare così si inespesisce ancora un pò diventando più cremoso.
Servire caldo o freddo con canella in polvere.

Vi lascio un'altro canto del Martin Fierro de Josè Hernandez (preparatevi, ho deciso che per ogni post di gastronomia Argentina concludo con questa chicca):))

Un padre que da consejos
más que padre es un amigo,
ansí como tal les digo
que vivan con precaución.
Naides sabe en qué rincón
se oculta el que es su enemigo.

Un padre che dà consigli
più che padre è un'amico
anzi, come tale vi dico
di vivere con precauzione
che nessuno sa in che angolo
si nasconde il nemico

13 commenti:

  1. Ma sai che ADORRRRRO tutti i dolci a base di riso? Questa la provo, giuro!
    E' molto bella la tua idea di associare ad ogni ricetta argentina alcuni versi di Martin Fierro, forse raggiungerebbero un uditorio più esteso se postassi anche la traduzione: no todos hablan espanol como yo ;))))))) HI HI HI !!!
    Besos,
    D

    RispondiElimina
  2. E' un dolcetto molto coccoloso , che sembra fatto apposta per queste giornate fredde .
    Un saluto .chiara

    RispondiElimina
  3. @Dani: Sono contenta che ti piaccia, provalo e dimmi cosa ti è sembrato. Mi ricordo che da piccola mi piaceva talmente tanto che a volte lo mangiavo per cena!!! pensa:)
    Hai ragione riguardo la traduzione, a me sembra che si capisca abbastanza pero la farò lo stesso!! a presto;)
    @Chiara: ciao bentornata!:) si, è proprio moooltooo coccoloso, un pò il dolcetto di mamma Orsa!! Buona serata;)

    RispondiElimina
  4. Anche nelle mie zone il riso e latte, mi piace davvero molto ma non avevo mai provato ad usare anche la scorza di limone...proverò!

    RispondiElimina
  5. @Gloria: Ciao!:) la scorza da una punta di fresco e il limone non si sente affatto. A me piace molto così
    Un abbraccio, Buon WE;)

    RispondiElimina
  6. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  7. Ottimo questo dessert, complimenti davvero.

    RispondiElimina
  8. @Vincent: Grazie, m'informo subito.
    @Sebastiano: benarrivato qui, sono contenta che ti sia piaciuto. Se lo fai, fammi sapere.
    A presto

    RispondiElimina
  9. che ricordi Patricia. Il arroz con leche è un dolce anche della mia infanzia e ogni tanto, quando ho nostalgia di casa, lo preparo solo per me, perchè mio marito non sopporta la cannella (che io invece adoro) e mio figlio è, aimé, italianissimo in quanto a sapori... Mi hai fatto venire voglia di prepararlo!

    RispondiElimina
  10. @Angela: benvenuta:) anch'io adoro l'arroz con la cannella! besos, a presto:)

    RispondiElimina
  11. Patricia una curiosità...la bottiglia di latte che si vede in foto l'hai acquistata per caso su RE?

    RispondiElimina
  12. Angela: scusa la mia ignoranza ma non so che cosa è RE, ma sono curiosa, vorrei saperlo. Questa bottiglietta l'ho acquistata in un negozio di Padova ed è del marchio Comptoir de famille.

    RispondiElimina
  13. Adoro Comptoir de famille, ha delle cose bellissime per la casa, peccato che qui a Mantova non c'è :( Rispondendo alla tua domanda RE è un marchio inglese che ho scoperto da poco (sono una apassionata di arredamento e interior design) e guardando nel loro sito ho trovato queste botigliette in vetro e mi è venuto subito in mente la tua foto del fantastico arroz con leche...
    (http://www.re-foundobjects.com/product/view/238?cat=28)tutto qui :)))

    RispondiElimina