mercoledì 1 giugno 2011

Empanadas de choclo (di mais)


Dunque dunque... da dove inizio?
Questa è (incredibilemente!) solo la seconda ricetta di empanadas che faccio in questo blog.
Io e las empanadas siamo una cosa sola, un po' come con la carne e il dulce de leche, sono quei cibi che capisci al volo, se è buona la materia prima, se l'impasto si romperà in forno, capisci dall'odore quando sono cotte a puntino e anche dal odore che esce dal forno quando si stanno rompendo mentre cuociono, capisco al volo come abbinare i ripieni, insomma sono cibi con i quali sono cresciuta.
Certo, ho imparato e capito al volo tante altre cose quali il risotto, il pan di spagna, la frolla e le diverse cotture con le uova.
Tutto questo papiro per dire, senza sembrare arrogante, che le faccio ad occhi chiusi.
Il rischi de las empanadas de choclo è appunto, che si rompano in cottura e che il ripieno esca e rimanga piangente sulla leccarda.
Oggi, un po presa dai discorsi di mia figlia (a casa e ammalata con la broncopolmonite virale, &%£°##§!!!!!!) ho steso la pasta troppo sottile e due si sono rotte.
Questo impasto, infatti, e divino da stendere con il mattarello perchè è così elastico e malleabile che andrei a setenderlo all'infinito!
Voi lo stenderete non troppo sottile, da accordo?

Passando ad un'altro argomento: un tasto dolente è che ultimamente giro velocemente per i blog e commento poco per mancanza di tempo, il tutto dettato da un brutto momento che non mi perdo qui a commentare, non voglio dare noia.
Me ne dispiaccio molto di non contraccambiare, sono cosciente che se non commento non verrò comentata... pazienza!!
Sono qui e, per adesso, cucino e basta, di più non riesco a fare.
In più ho constatato che blogger non mi permette neanche di rispondere ai commenti dato che cliccando su Posta commento, nulla succede... un po' come dire che capitano tutte insieme :((


Andiamo alla ricetta?
Per 24 empanadas piccole
Impasto per empanadas senza il pimenton, qui la ricetta
300 g di chicchi di mais già sgranati (io non ho trovato di belli e ho usato quelli da scatola con la loro acqua)
2 scalogni trittati piccoli
60 g di burro
2 cucchiai colmi di fecola di mais
latte fresco q.b.
sale e pepe q.b.
3 cucchiai colmi di formaggio (io ho usato groviera :)

Separare il mais dalla loro acqua e conservarla.
Trittare metà del mais con un mixer e riunire tutto il mais in una ciotola con l'acqua.
Se trovate un vel mais, al posto dell'acqua preparate 200 ml di latte fresco.
In una padella antiaderente sciogliere il burro e imbiondire a fuoco basso gli scalogni.
Aggiungere la fecola e mescolare velocemente faccendo un roux. Aggiungere tutto il mais e la loro acqua, mescolare con una frusta velocemente sino ad incorporare tutto il composto che sarà molto duro. Versare il latte poco a poco e mescolare continuamente, la consistenza deve essere molto ferma. Ritirare dal fuoco, aggiungere il formagggio, mescolare bene ed aggiustare di sale e pepe. Lasciar raffreddare in frigo almeno 4 ore.
Preparare l'impasto come indicato nel link in alto.
Accendere il forno a 170°, estendere l'impasto non molto sottile e tagliare dei cerchi (io ho fatto 24 empanadas piccole con cerchi di 10 cm).
Con un cucchiaino da tè, prelevare un po' di ripieno, chiudere a mezza luna sigillando i bordi premendo con le dita.
Eseguire il repulgue (il tipo di chiusura tipico della empanada) e cioè: uan volta sigillata tutta la mezza luna, chiudere da un estremo all'altro piegando il bordo su se stesso più volte per ottenere il piccolo cordoncino (prossima volta faccio il video :).
Buccare la superficie 2-3 volte con uno stecchino.
Disporre in una leccarda coperta da carta da forno e infornare 10-15 min.
Lasciar intiepidire per qualche minuto, questo ripieno ustiona particolarmente.

Vi abbraccio tutti:)

17 commenti:

  1. Che belle, come le hai piegate bene...spero che mi vengano belle la meta' delle tue, vorrei inserirle in un buffet da fare presto.
    E spero che il brutto momento passi in fretta
    :-)

    RispondiElimina
  2. Tesoro spero che la tua bimba guarisca presto, accidenti ci mancava solo la polmonite. E che tutto torni a girare per il verso giusto. Non può sempre andare storto no? Un abbraccio forte

    P.S. a parte che adoro il mais (o "becchime" come direbbe la mia mamma!!!) mi piace un botto come hai fatto quel torciglione di chiusura ;)

    RispondiElimina
  3. caspita... mi dispiace per la bimba!! ma vedrai che passerà in fretta ^_^
    la ricetta è meravigliosa, come non salvarla?
    ti mando un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Io non le ho mai fatte...ma la tua spiegazione e la tua complicità con questo impasto mi invogliano parecchio a provare...al massimo se non riesco riceverai delle mail imploranti :) Un bacione alla piccola ciao

    RispondiElimina
  5. Stefania: grazie! Interessante il fatto che vuoi farle per un party, raccontami se ti sono piaciute. Per te ci sarebbe una ricetta di empanadas con agnello tagliato a coltello e menta... la fine del mondo :)
    @ Federica, grazie di essere sempre presente con belle parole, sei un tesoro! andrà tutto per il meglio ;) ti abbraccio!
    @ Erica: sono contenta che ti piaccia, se le fai, fammi sapere, besos
    @Greta: Sono qui carissima, basta solo chiedere! besito

    RispondiElimina
  6. Pat io non le ho mai mangiate... :( ne ho sentito parlare spessissimo ma non mi sono mai capitate sotto le grinfe! Voglio provarle al piu' prestooooo!
    Auguri alla tua piccola e un in bocca al lupo generalte per tutto. Un abbraccio, K

    RispondiElimina
  7. Che buone le empanadas...quando vado a mangiare al ristorante spagnolo le prendo sempre...ma in questa versione non le ho mai assaggiate...devono essere golosissime!!!

    RispondiElimina
  8. Ciao cara. Grazie di essere passata da noi. <ci ha fatto piacerissimo. Complimentoni per il blog. Il nostro blog è nato grazie all'ospitalità di Carola (corso di panificazione). Speriamo di incontrarci di persona, magari da lei, alla bellissima casetta delle pesche.

    RispondiElimina
  9. complimenti per il blog, interessante e ben curato, come questa ricetta che adesso ho terribilmente voglia di mangiare!

    RispondiElimina
  10. lo sai patricia dove ho mangiato l'ultima volta le empanadas? a padova!!!! preparate dal fidanzato argentino di una mia carissima amica. ormai son passati 5 anni.....

    RispondiElimina
  11. Ciao ti ho scoperta tramite il gruppo di facebook, ti seguo volentieri.
    se vuoi passa a prendere un dolcino da me :)
    Gloria

    RispondiElimina
  12. Io nonne ho mai fatta nemmeno una! mmm...bisogna rimediare, e poi ho giusto giusto un barattolo di mais aperto in frigo che attende di sapere quale sarà il suo destino! Cambiando argomento, vorrei proporre una cosa e mi scuso da subito se sfrutto questo commento per parlarne ma penso sia un'idea carina e spero possa interessare qualcuno. Ho appena inaugurato un'iniziativa nel mio blog per parlare di foodphotography ed utilizzarlo anche come forum per chiedere ed avere consigli fotografici. Se qualcuno ha argomenti da proporre o domande da fare ... basta commentare chiedendo! Chiunque può partecipare a qualche eventuale discussione chiedendo o dando consigli....sono così pochi i siti web dove trovare qualcosa riguardo alla foodphotography e quei pochi che si trovano non sono italiani! Un caro saluto!

    RispondiElimina
  13. uh, che bel ripieno! So che cucinare queste delizie non risolve altri gravi problemi, ma una piccola pausa di concentrazione in gesti costruttivi aiuta se non altro la testa a distrarsi.
    E poi il gusto del blog secondo me non si misura solo dalla quantità di visite e commenti ma sorpattutto dalle emozioni che riesci a scambiarci...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ah! que maravilla!!! Solo leer la palabra "empanadas" se me hace agua la boca! Que delicia Patricia!!!!
    besos
    Cata, muy ispirada :)

    RispondiElimina
  15. @Katia: ciao!! se le provi fammi sapere!! spero tu stia bene, ti abbraccio:)
    @Claudia: si golose e leggermente dolciastre, di solito si abbina il grana ma a me piace il tocco piccante di un buon gruyere ;)
    @babà e bignè: da Carola!! sicuramente ci troveremo li, baci!
    @sulemaniche: grazie, a prestissimo!
    @Salamander: maddai!! come è possibile che tutti conoscono qualche argentino a Padova e io nada de nada;) besito bella!
    @Gloria piacere anche mio, in effetti un piccolissimo dolcino a quest'ora...
    @Agnese: piacere! vengo volentieri, le foto sono sempre un tasto dolente!!
    @Annalena cara, hai ragione come sempre, è proprio così! ti abbraccio
    @Cata: hola sol! sabes que pensaba, Che podrías hacer una típica receta de empanadas colombianas, Che me dices? besito

    RispondiElimina
  16. voi argentini avete quel modo di piegarle che il mio (di patricio) ha provato pazientemente a spiegarmi varie volte, con varii, discutibili, risultati di apprendimento!
    :)
    vaniglia

    RispondiElimina
  17. Ciao! Grazie per la ricetta :D solo una domanda, tu per l'impasto usi lo strutto, ho letto in altri siti che si usa l'olio, volevo sapere se al posto dello strutto potessi usare il burro, è possibile? Il risultato è buono? Grazie :D Saluti!

    RispondiElimina