giovedì 15 luglio 2010

Passion for BBQ: animelle (mollejas)

Per me non c'è grigliata senza animelle, anzi le chiamerò mollejas (in spagnolo) perchè già pronunciando questo nome mi vengono in mente i giorni nelle Pampas a gustarci un ottimo asado.
In verità ogni asado che si rispetti ha anche mollejas ed io le prenoto dal mio maccellaio di fiducia con un certo anticipo ogni volta che intendo fare una grigliata. I miei amici lo sanno e mi chiedono sempre se ci sono anche le mollekkkass...
In argentina la grigliata è una cosa da uomini, sono loro a preparare il fuoco, comprare la carne con cura e preparare tutto il necessario. In argentina si arrostisce ovunque e s'improvvisano bracieri dappertutto, ad esempio i lavoratori edili, muratori ecc. la pausa pranzo la fanno solitamente improvvisando un braciere per terra... eh già, maestri del fuoco e di come farlo (che non è prorpio come accendere il forno, intendiamoci).
Qui in Italia ho imparato con gli anni a farla io dato che mio marito non ha la minima esperienza su come fare fuochi (non accende neanche il camino del salotto...), adora la grigliata ma, diciamo, il suo cibo del cuore e la pasta e poi, penso lasci a me questa incombenza in tutta serenità... sono io l'argentina de la pampa e l'asado insomma!!!
Un piccolo appunto sul legno e la carbonella: a me piace mettere tutti e due, mi piace il sapore che da la carbonella con un po' di legno qua e là. Per arrostire mi piace usare legno di quercia o faggio ed aggiungo sempre un po' di legno di ulivo che da un'ottima punta di sapore. Dovete stare attenti che il legno non sia verde dato che farete fatica a fare il fuoco per l'acqua contenuta in esso.
Provato una volta il legno di pino... negativo, non mi piace il sapore che da alla carne e, essendo molto resinoso, è difficile tenere un fuoco giusto.
Devo confessarvi che mi faccio aiutare da 1-2 zollette di diavolina ecologica (quella che sembra legno).

Preparazione e consideraioni in merito:
Ma passiamo a las mollejas: dovete chiederle con qualche giorno di anticipo. Chiedetele già perfettamente pulite in modo di cucinarle e basta.
Con 1 kg ne avete più o meno 8 mollejas.
La preparazione è semplice, tagliatele a metà (è come dividere a metà un pan di spagna), se sono molto grosse tagliatele in 3.
C'è chi le taglia a fettine sottilissime  ma, irrimediabilmente vengono troppo arrostite ed è un peccato perchè non si percepisce più la sua carne bianca che è delicata e deliziosa, quindi ben cotte si, ma non abrustolite!
Dovete metterle a cuocere sul bbq alla fine, dato che in 5-8 min saranno cotte. Chiaramente a mettà cottura le girate.
Se avete fatto delle fettine sottili potete improvisare un vassoio di cottura con la stagnola faccendo qualche bucchetto sulla base.
Io le mangio così, da sole, senza intingoli, con un po' di sale messo a cottura ultimata e una insalatina fresca, Se proprio volete aggiungete un filino d'olio fruttato sopra.

Con questa ricetta partecipo al contest di Al Cibo commestibile,  Fuoco alle Griglie, con la collaborazione di WEBER